Ci.Vi.Vo. - Rafforz...
 
Notifiche
Cancella tutti

Ci.Vi.Vo. - Rafforzamento della partecipazione civica

Marco Focacci
(@marco-focacci)
New Member

Buongiorno, per la Sesto del Futuro credo che sia importante complementare la già positiva esperienza del bilancio partecipato con strumenti che pongano il cittadino protagonista non solo nella fase di progettuale ma anche nella fase di realizzazione di azioni di partecipazione civica. 

Tra le varie esperienze in Italia, quella del Comune di Rimini - Ci.Vi.Vo. - Civico, Vicino, Volontario (qui il link al sito https://www.comune.rimini.it/comune-e-citta/comune/ufficio-relazioni-con-il-pubblico/guida-ai-servizi/progetto-civivo-civico-vicino-volontario) si distingue per essere semplice e snella anche dal punto di vista amministrativo.

In estrema sintesi il Comune mette a disposizione materiali per prendersi cura di beni comuni (es. attrezzi da giardinaggio per miglioramento di una parte di giardino pubblico o aiuola, utensili e materiali diconsumo per piccole manutenzioni delle scuole, gestione di spazi in disuso, ecc) a gruppi di volontariato civico .

I gruppi Ci.Vi.Vo. stipulano una convenzione con l'Amministrazione e presentano un progetto molto semplice delle attività che intendono svolgere nel corso dell'anno e l'ufficio preposto valuta la fattibilità o meno della proposta. Le azioni dei gruppi non vanno a sostituirsi alle funzioni normalmente svolte dall'Amministrazione ma vanno a rendere partecipe il cittadino della cura del proprio territorio. Si ottiene il duplice vantaggio di diffondere il rispetto e il senso civico tra i cittadini e si rafforza il tessuto sociale attraverso la creazione di nuove relazioni.

A disposizione per ulteriori approfondimenti.

Quota
Topic starter Postato : 19/01/2021 2:06 pm
Monica Barducci
(@monica-barducci)
New Member

Buongiorno Marco, leggo con molto piacere il tuo post. Già l'altra sera, durante la discussione pubblica, ho ascoltato con interesse il tuo intervento in quanto da un po' di tempo sto approfondendo il tema da te sollevato. 
I patti di collaborazione tra cittadini e amministrazioni sono un'esperienza, come già tu dici, sperimentata e attiva in vari comuni d'Italia e stanno dando ottimi frutti, che siano per la manutenzione di aree verdi o di spazi pubblici che per il recupero di arredo urbano o addirittura di edifici lasciati in all'incuria ma che, con la buona volontà di cittadini volontari supportati da un'amministrazione disponibile, riprendono vita: in tal senso ho letto di un'esperienza del genere a Caserta, dove una villa è stata affidata a chi da anni si batteva per sottrarla all'abbandono. Ma possiamo rammentare esperienze del genere a Palermo, ma anche a Ravenna, a Cortona, a Trento, a Bagheria. La Toscana è capofila per numero di comuni coinvolti, con oltre 20 esperienze territoriali. 
Bologna è stata la prima città a sperimentare i Patti, già nel 2014, regolamentando l'accordo tra amministrazione e i singoli o le associazioni o i gruppi spontanei
Non conoscevo l'esperienza di Rimini e seguirò subito i tuoi link per informarmi. 
Sarebbe interessante, sul serio, provare a costruire qualcosa del genere a Sesto, che sotto il punto di vista del volontariato  non è seconda a nessuno e può vantare una storica tradizione di impegno civile a favore della collettività e del bene pubblico. 
Teniamo vivo questo argomento,  vediamo di costruire insieme qualcosa di bello. 

Monica Barducci - Per Sesto
Coordinatrice Centro Civico 2 

p.s. interessante in tutto questo ragionamento è www.labsus.org Laboratorio per la Sussidiarietà  che lavora per valorizzare le competenze dei cittadini al servizio della comunità

RispondiQuota
Postato : 20/01/2021 10:09 am
Condividi: